SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


mercoledì 11 ottobre 2017

al teatro Quirino “Ciao” di Walter Veltroni

di Attilio A. Romita                                                               10 ottobre 2017

Questo spettacolo è il primo della stagione ufficiale 2017-2018 del Teatro Quirino e ci narra l’incontro impossibile di un figlio, Walter Veltroni, e di un padre, Vittorio, morto giovanissimo quando il figlio aveva solo un anno.
Vittorio Veltroni è stato un protagonista del giornalismo radiofonico del dopoguerra italiano e, alla nascita della televisione italiana, primo direttore del Telegiornale oltre che sceneggiatore cinematografico.
…una sera, in una Roma livida e bellissima, un uomo ritorna a casa dal figlio ormai cresciuto. Il ragazzo, diventato forte e geniale, sa di aver subito quella mancanza, di averla cercata in mille gesti, di averla trovata, a volte, in sua madre e poi di averla protratta, giorno dopo giorno, attimo dopo attimo. Ora ecco finalmente davanti a lui, catapultato direttamente dagli anni Cinquanta, suo padre, quella figura cercata e soddisfatta in molte malinconie. Allora, inizia una chiacchierata senza tempo, in un percorso che evita il rancore e cerca le vicinanze. L’unica possibile è in quella donna che li ha uniti e che, anche dopo la sua perdita, li ha fatti in fondo ritrovare.” così le note illustrative raccontano lo spettacolo.
Lo spettacolo si articola in una sorta di gioco delle parti nel quale un figlio sessantenne incontra un padre poco più che trentenne durante il quale il figlio cerca di scoprire che è stato e quale importanza ha avuto suo padre.
Questo viaggio di conoscenza è sottolineato da documenti e filmati originali dei quali è protagonista Vittorio Veltroni. Sono un salto nel passato che i meno giovani di noi hanno vissuto come i duelli sportivi di Coppi e Bartali, la tragica alluvione del Polesine, la nascita della Televisione Italiana, Mike Bongiorno anche prima di “Lascia e Raddoppia” e tanto altro.
Come per il protagonista Walter, questo viaggio nel passato è una riscoperta di tanti piccoli e grandi avvenimenti che hanno sottolineato il nostro dopoguerra e che sono alla base della nostra storia successiva.
Calarsi in una persona felicemente vivente non è cosa facile e Massimo Ghini affronta questo impegno con bravura senza tentare inutili imitazioni fisiche. Accanto a lui Francesco Bonomo abbigliamento anni ’50 ci racconta gli avvenimenti ed i cambiamenti dei quali è stato testimone e cronista.
Lo spettacolo è stato tratto dall’omonimo libro che Walter Veltroni ha scritto quasi per costruire un rapporto fisico con un padre che, sfortunatamente, non ha potuto conoscere e dal quale è stato inconsciamente guidato nella sua vita in momenti che vanno ben oltre le sue scelte politiche.
Lo spettacolo è messo in scena dalla Fondazione Teatro della Toscana in collaborazione con Q Academy. La scena ed i costumi sono di Maurizio Balò e le luci di Umile Vainieri. La regia di PIERO MACCARINELLI.

Un gran pubblico, che ha potuto contare sulla presenza dell’autore e di qualificati personaggi politici ed artistici, ha applaudito a lungo ed in modo convinto al termine dello spettacolo in programmazione sino al 22 di ottobre.