SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


giovedì 15 novembre 2012

Cloud e “la nuvola di Fuksas” …..pensieri ignoranti.



Il concetto informatico di CLOUD e “la nuvola di Fuksas” possono essere la reale esemplificazione di quanto la realtà differisce dalle parole che la esprimono.

Il concetto di Cloud e tutte le illustrazioni e spiegazioni che lo accompagnano fanno pensare ad un qualcosa di intangibile, collocato in uno sperduto iperspazio e gestito da ometti in tuta spaziale per coprire orecchie a punta e carnagione verde. Nella realtà l’architettura CLOUD è una ben definita realizzazione pratica che prevede l’uso condiviso di un certo numero di ben identificati “magazzini di dati” reali. In pratica si tratta di DATA CENTER collegati e per i quali sono previste tutte le misure di sicurezza, di disaster recovery e di continuità che possono garantire una affidabilità massima. In conclusione l’idea di una nuvola aerea leggera si sostanzia in ben robuste strutture fisiche. Ed è un bene che questi concetti siano chiari.
Molto simile è la storia della “nuvola di FUKSAS” cioè la mastodontica costruzione progettata da l’archistar FUSKAS, che molti definiscono maestro di architettura. La storia è la seguente.
Circa 12 anni fa nel quartiere romano dell’EUR, una grande area, grande quanto 2 campi di calcio, fu recintata ed apparvero dei cartelli che davano notizia della costruzione della “Nuvola” e documentavano con disegni la fantascientifica costruzione.

A fine anno sarà inaugurato il risultato di quel progetto:
L’aereo disegno si è trasformato in un ammasso di circa 800 tonnellate di ferro. Una gabbia molto simile ad un mega capannone industriale che nasconde al suo interno un’ovoide sagomato da travi metalliche di grandi dimensioni.
Quella che doveva essere una volteggiante ed aerea sagoma si è trasformata in un enorme magazzino di ferraglia che rende molto fiero, ma non si sa perché, il suo costruttore, il ben noto arciarchitetto MASSIMILIANO FUSKAS, grande imbonitore di falsa architettura inutile.

Notate come sono simili queste due storie. Per ambedue si è partiti da una idea leggera ed impalpabile, ma per i CLOUD la conclusione è positiva, infatti è una robusta ed utile costruzione, per la Nuvola di FUSKAS il disegno era ancora una leggiadra nuvola, il risultato un inutile incrocio di tonnellate di ferro che non può che essere considerato un omaggio alla ignoranza.
E, se non siete d’accordo, andate a vedere perché le foto non rendono compiutamente l’idea.