SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


venerdì 20 giugno 2014

Competenze Digitali...realtà economica o fumo futuribile.

Da qualche tempo il mondo è invaso da un messaggio sempre più forte: il mondo ha necessità di competenze digitali e le aziende cercano famelicamente degli specialisti.
Il primo a lanciarlo è stato il Presidente Obama, sempre presente quando si trattano questi argomenti e in tutto il mondo si fanno calcoli sul numero di specialisti necessari e passando da uno ad un milione con rapidità e ragionamenti che sembrano corretti.

Una cosa è certa, di strumenti “digitali” o meglio ICT, Information Communication Technology per i più distratti,  il mondo farà sempre più uso e quindi occorre attrezzarsi.
In questa ottica AGID, Agenzia Italia Digitale, ha lanciato lo scorso anno un progetto, “Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali”, ora arrivato alla sua prima fase: “Le linee Guida –Indicazioni Strategiche Operative". Come dice il titolo è un manuale operativo che definisce con la massima precisione i vari aspetti delle competenze digitali che possono riassumersi con i titoli delle relative sezioni della guida:
  • Le competenze per la cittadinanza digitale, cioè cosa deve sapere il Cittadino per usare al meglio gli strumenti che la ICT mette a disposizioni
  • Le competenze specialistiche, cioè cosa deve sapere chi è chiamato a progettare strumenti ICT efficaci ed efficenti
  • Le competenze di e.Leadership, cioè cosa deve sapere un Leader moderno ed efficiente che voglia incrementare il valore della sua leadership sfruttando le capacità della ICT.
  •     Le competenze per la Pubblica Amministrazione, cioè come la Pubblica Amministrazione, facendo tesoro delle giuste competenze, può offrire un miglior servizio al Cittadino.

La Guida nasce dalla collaborazione, e con l’effettivo contributo, di ministeri, università e, soprattutto, di Associazioni d’Impresa e dei Lavoratori e vuole essere la base per un colloquio/confronto tra domanda ed offerta per un più completo e proficuo utilizzo di strumenti operativi e di gestione che la tecnica rende disponibili.
Subito dopo la presentazione delle Linee Guida è partito un Osservatorio cui partecipano Associazioni d’Impresa e dei Lavoratori che ha il compito di un monitoraggio continuo del “Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali” con lo scopo di mantenere il piano sempre allineato con la domanda/offerta del mercato.
Una prima attività operativa del programma è la “Coalizione italiana per le occupazioni digitali”, che partecipa all’iniziativa europea Grand coalition for Digital Jobs, che ha l’obiettivo di migliorare in Italia le competenze digitali, per tutti i cittadini, per i lavoratori (del settore pubblico e del settore privato), per le imprese ed accrescere le competenze degli specialisti ICT nelle nuove aree strategiche.
La Gran Coalition Europea prevede la collaborazione di istituzioni pubbliche nazionali e locali, comunità professionali, organizzazioni non profit, associazioni datoriali e sindacali, per:
  • pianificare attività di formazione formale e informale sulle competenze digitali;
  • realizzare l’incontro tra domanda e offerta di professioni e competenze digitali;
  • favorire l’imprenditorialità e la e-leadership;
  • puntare alla formazione di alti profili di specializzazione ICT;
  • ·       introdurre nelle scuole (fin dalle primarie) di elementi di cultura digitale e di programmazione

A questi obiettivi, nella Coalizione italiana si aggiunge anche quello di:
  • sviluppare in modo estensivo le conoscenze digitali di tutti i dipendenti pubblici

A ciascuno di questi obbiettivi saranno legati progetti operativi specifici.

Siamo solo all’inizio di un lungo e bel percorso ed arrivare al suo termine deve essere un impegno di tutti.+