SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


lunedì 2 giugno 2014

Il ForumPA 2014 – impegni e soluzioni per l’Italia digitale.

Aggiungi didascalia
Siamo arrivati alla venticinquesima edizione del ForumPa e, se guardo indietro, posso vedere come la Pubblica Amministrazione ha cambiato per migliorare il servizio al Cittadino. Molte nuove tecniche sono nate e si sono sviluppate e la PA, nelle sue mille articolazioni locali e nazionali, ha cercato di adottarle inserendole in procedure e protocolli che spesso risalgono …. a leggi, regolamenti ed abitudini napoleoniche.

Ogni anno il ForumPA è caratterizzato da uno slogan che, per il 2014 era: PRENDIAMO IMPEGNI, TROVIAMO SOLUZIONI.
L’Italia, o meglio la PA italiana, ha due facce contrapposte. Secondo classifiche ufficiali, ufficiose e reali è nei primi per i servizi che le varie amministrazioni pubbliche centrali e locali sono in grado di erogare con il supporto di INTERNET.
Le stesse classifiche sono concordi nel certificare che la quantità d’uso di quei servizi è molto ridotto e si avvicina allo zero.
Allora cominciamo a guardare i numeri e chi meglio dell’ISTAT può darci qualche dettaglio illuminante.

ISTAT ci dà il seguente quadro su gli Italiani ed Internet:

Guardando con attenzione questi numeri si ha uno spiacevole senso di sconforto: solo il 34% degli italiani usano Internet tutti i giorni.
Allora questa grande differenza tra, come direbbe un uomo di marketing, tra offerta e richiesta è sicuramente legata alle due magiche parole “digital divide” cioè al divario che esiste tra i 35 italiani su 100 che usano Internet ed i 65 che hanno solo delle vaghe idee.
Qualche anno fa molti, anche illustri, esperti sostenevano che questo divario digitale era legato alla scarsa possibilità di collegarsi alla rete, in una parola la mancanza di “banda larga”.
Io, poco illustre e timido esperto, ho da sempre sostenuto che è il vero divario digitale è culturale, cioè è legato all’incapacità di usare un computer in tutte le sue forme, dallo smatphone al PC, dal tablet al totem self service.
Passeggiando tra gli stand espositivi del ForumPA ed ascoltando gli interventi in vari convegni la dicotomia tra quello che è, quello che potrebbe essere e quello che dovrebbe essere è quasi tangibile.
Tutte le persone che incontro al ForumPA parlano di soluzioni digitali, e.mail, e.gov, e.book e mille altri e.xxx come se tutto fosse fatto. Poi penso a chi realmente usa internet i Italia e le sensazioni si scontrano con la realtà.
Il “digital divide” è stato argomento importante di molti dei convegni di ForumPA 2014. L’Agenzia per l’Italia Digitale, cioè l’ente delegato a facilitare e regolare l’attuazione della Agenda Digitale per l’Italia, ha pubblicato un “Programma nazionale per la Cultura, la formazione e le competenze digitali” (http://www.agid.gov.it/competenze-digitali/programma-nazionale-competenze-digitali)AGID - Competenze digitali
.
Nella scuola italiana partirà a settembre un modo diverso di gestire le classi e le comunicazioni tra scuola e famiglia. Ma il problema sarà che non tutti i docenti sono “sufficientemente abili” per usare questi strumenti che, tra l’altro, non sono sempre disponibili.
Io ho voluto concentrare questo ottimismo in alcuni tweet che ho lanciato in rete, slogan e sogno insieme.
“I have a dream ….” enunciò  Martin Luther King ed io, scusate la mia illusione di potenza, ripeto: