SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


mercoledì 4 marzo 2015

Fatturazione elettronica, Digital Champion ed altro... idee e riflessioni ignoranti.

Il 3 marzo 2015 c’è stato un importante evento: l’illustrazione ai Digital Champion Italiani delle caratteristiche del nuovo processo legato alla Fatturazione Elettronica che dovrebbe ufficialmente entrare in vigore a fine mese.
Molte presenze illustri, molte spiegazioni dettagliate per sciogliere punti oscuri, paure e tecnicismi che ostacolano la comprensione del nuovo processo.
La mia impressione generale è che si sia costruito un perfetto e funzionale palazzo moderno su delle fondamenta fatte per una biblioteca giuridica del 1800. Ma questo argomento, cioè su cosa mi sentirei di proporre, lo rimando alla seconda parte di questa nota.

Nel corso delle presentazioni, nascoste tra mille dotte parole, mi sembra che si sia data una chiara risposta all’interrogativo del mitico “falegname di Voghera”, marito dell’altrettanto omonima casalinga.  
Domanda: “Come fa un piccolo artigiano che emette solo qualche fattura alla PA Locale?”
Risposta: Si rivolge ad una qualsiasi entità autorizzata a svolgere il servizio che fornisce strumentazione e supporto per l’emissione della fattura.
Domanda: Bene, ma poi come faccio a conservare la fattura? Devo stamparla e comportarmi come prima?
Risposta: (se ho capito bene): Le imprese che offrono il servizio saranno anche responsabili della conservazione ufficiale e legale.
Domanda: Ma i comuni che non hanno copertura di rete, come fanno ad inserirsi nel circuito telematico della fatturazione elettronica.
Risposta: (personale e della quale mi assumo la responsabilità) : Domanda speciosa ed argomentazione inesistente alla quale già nel 2011 avevo dato una risposta (switch-servizi-pubblici-comuni-non-digital-divide e  key4biz.it/-2011-05-Digital-Agenda-Attilio-A-Romita-Forum-PA-2011/) dove tra l’altro dicevo che oltre le normali connessioni a banda più o meno larga esiste una connessione satellitare che offre costi competitivi e banda sufficientemente larga per gestire i pochi movimenti che deve gestire …il piccolo comune situato al fondo di una valle in ombra.
Domanda (non fatta, ma pensata): La fattura di carta al mio amico al comune che velocizzava il mio pagamento.
Risposta: Anche ora l’amico al comune ha gli stessi strumenti di …velocizzazione, ma purtoppo questi strumenti lasciano traccia e …non è un gran male.
Domanda (del Sindaco di un piccolo comune) : Il mio Centro Elettronico non ha i programmi per gestire le Fatture Elettroniche e dotarsene è un aggravio di spesa che non possiamo sopportare.
Risposta : La presenza di 8000 centrini è un male che già da anni ci affligge e ci costa. Ogni tanto si parla di creare centri di servizi comuni per avere economie di scala ed omogeneità di risposte al cittadino. Forse questo primo passo verso processi informatici potrebbe essere il punto di partenza.
Domanda: Ma perché il privato (grande o piccolo che sia) è chiamato ad assolvere complicati storici adempimenti di conservazione quando esiste una entità pubblica che riceve, controlla, smista tutte le fatture elettroniche  e sicuramente è in grado di conservarle perfettamente perché è anche dotato di strumenti di protezione continua e sicura delle informazioni.
Risposta: La domanda è retorica e provocatoria, la risposta è implicita …ma forse gli esperti giuristi giustinianei ed il burusaurus rex avranno da obbiettare.
Mentre scrivevo questo dialogo, immaginario ma non troppo, mi sono dotato di poteri dittatoriali assoluti ed ho immaginato delle proposte.
All’inizio di questa nota ho scritto che la fattura elettronica è un bel palazzo moderno su fondamenta nascosti, instabili, falsamente protettive che non permettono di concedere il permesso di abitabilità al moderno edificio.
In alcuni interventi del Convegno dedicato al D-day per la fatturazione elettronica ho ascoltato lunghe e dotte disquisizione su leggi che ci ricordano polverosi faldoni, bolli tondi ed i mitici “camminatori” cui era delegato il compito di trasferire gli atti connessi alla PA.
Forse sarebbe giunto il momento che chirurghi specialisti incidano pesantemente sul “Corpus Iuris” italiano che, con tutto il rispetto per i legislatori antichi e moderni, è diventato un obeso, claudicante, variamente sofferente corpo cui una bella eutanasia farebbe solo del bene.

Ma il Burusaurus Rex, che su quella antica complessità ha fondato la sua carriera, sarebbe d’accordo?