SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


lunedì 23 novembre 2015

Telemedicina, sanità digitale …concetti e riflessioni.

22 novembre 2015

Lo scorso 10 novembre al convegno “LE PROFESSIONI SANITARIE ALLA SFIDA DELLA SANITA' DIGITALE”   ho avuto modo di ascoltare relazioni ed interventi al massimo livello da parte di specialisti sanitari e specialisti tecnici che sono state utili capire che sull’argomento esistono punti di vista diversi a prima vista non facilmente distinguibili e che, ma questa è una mia idea, forse non erano ben individuati neppure da alcuni degli specialisti presenti.

Ho riflettuto alcuni giorni prima di arrivare alle conclusioni che spero possano essere utili per successive discussioni e per lo studio di adeguate soluzioni.
Ho maturato la conclusione che è utile partire da alcune definizioni semantiche:
1.  Telemedicina: cura del malato usando cultura medica mediante tecnologie digitali.
2.  Sanità digitale: organizzazione dei processi burocratici di supporto all'erogazione dei servizi sanitari.
3.  Cultura medica digitale: uso di tutte le informazioni mediche raccolte attraverso la telemedicina e la sanità digitale.
Il termine e.Health è, secondo me, un ulteriore fattore di ambiguità perchè, quanto meno in Italia, viene inteso alternativamente come Telemedicina o Sanità Digitale.
La prima affermazione che mi sento di fare è che i 3 termini sono del tutto indipendenti e, in un primo tempo, possono esserne studiate le caratteristiche, i vantaggi ed i problemi senza tener conto delle interazioni che andranno esaminate solo quando saranno ben chiari tutti gli aspetti di ciascuno.
Passiamo quindi alla “mia” visione di questi elementi base.

Telemedicina.
Il Consulto è un termine, e uno strumento, che i Medici hanno usato quando, di fronte a pazienti o patologie particolari, volevano avere il supporto di colleghi maggiormente specializzati.
Per secoli i consulti sono stati de visu, cioè lo specialista si recava al capezzale del malato ed aggiungeva le sue considerazioni a quelle del medico curante. Per comodità di discorso continuerò ad identificare con specialista il team di persone collegate a distanza e con medico curante il team di persone vicine al malato
Negli ultimi 100 anni l’avvento delle telecomunicazioni ha facilitato i consulti anche a lunga distanza: il medico curante forniva, a voce, sintomatologie e misure e lo specialista forniva consigli e suggerimenti.
L’avvento della rete e, soprattutto, la possibilità di trasmissione veloce di molti dati ha reso l’interazione tra specialista e medico curante molto più “intensa” in quanto la quantità di informazioni che possono essere scambiate non si limita al semplice “scambio vocale” e lo specialista è in grado di vedere direttamente il malato e tutti i risultati di analisi strumentali (ecografie, TAC, RM, etc) che il medico curante effettua e trasmette allo specialista.
L’aumento delle prestazioni delle reti ed il miglioramento della qualità delle immagini hanno reso possibile anche la tele-operabilità cioè lo specialista lontano, tramite apparecchiature speciali, può operare direttamente sul paziente. E vorrei sottolineare che questo tipo di interventi aggiungono solo la distanza ad interventi routinari di laparoscopia e artroscopia, cioè interventi che sono seguiti dall’operatore su uno schermo e sono eseguiti tramite strumenti chirurgici guidati a distanza.
La descrizione che ho fatto è molto riduttiva rispetto alle reali possibilità di cura a distanza, telemedicina appunto, ma serviva solo per esemplificare il concetto di cura del malato usando cultura medica mediante tecnologie digitali.

Sanità digitale.
L’avvento della informatizzazione dei processi ed il collegamento in rete degli operatori ha reso possibile una migliore organizzazione della erogazione dei servizi sanitari ali cittadini sia in regime di Servizio Sanitario Nazionale che in regime di prestazioni privatistiche collegate a sistemi assicurativi.
La presenza di una efficiente rete permette il collegamento e la trasmissione di informazioni tra tutta la catena operativa che assiste il malato e cioè medico di base, specialista, gabinetti di analisi, farmacia ed ente pagatore che può essere lo Stato per il SSN o una Compagnia di Assicurazione.
L’uso della rete rende rapidi, sicuri, controllati ed efficienti la prescrizione e l’erogazione dei presidi medici e la loro disponibilità per il malato.
Se tutta questa “catena operativa” è integrata e parla lo stesso linguaggio almeno su tutto il territorio nazionale, si potrà parlare di effettiva SANITA’ DIGITALE cioè: organizzazione dei processi burocratici di supporto all'erogazione dei servizi sanitari.

Cultura medica digitale
La diffusione dei processi di Telemedicina e di Sanità Digitale rende possibile la creazione di una grande banca dati semplicemente raccogliendo tutte le informazioni che transitano in rete durante l’esecuzione dei processi.
Le moderne tecniche di analisi e sintesi dei cosiddetti bigdata mettono a disposizione degli operatori medici una messe di informazioni “certificate” di sussidio all’esperienza del medico per l’emissione di diagnosi e prognosi supportate anche da conoscenze estese nel tempo e nello spazio.
Le informazioni tratte da questo “Database Sanitario Globale” potranno essere molto più utili di una “sperimentazione a doppio cieco” su qualche decina o anche centinaio di casi!

Conclusione.

L’apparente banalizzazione che ho usato è solo una esemplificazione massima di concetti che per loro natura sono complessi. Chiaramente questa tecnica narrativa non vuole e non vuole essere riduttiva del concetto che sta al centro di tutta la medicina e cioè quella ARS MEDICA che è la vera, centrale ed importante qualità che sono il vero patrimonio del MEDICO che con il digitale aggiunge qualità esterne al suo caduceo.