SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


giovedì 16 giugno 2016

Commissione digitalizzazione PA …riflessioni ignoranti.

di Attilio A. Romita                                            16 giugno 2016

Ieri alla Camera dei Deputati è stata approvata l’istituzione della Commissione d’inchiesta sulla digitalizzazione nella Pubblica Amministrazione il cui compito principale dovrebbe essere la verifica che il processo di digitalizzazione proceda in modo legale e corretto.
Dichiaro subito che sono contrario a questa commissione perché, come ho sinteticamente scritto in un twitter, “e ora aspetteremo 3023 perchè qualcosa cambi nella PA, Burusauri Reges aspetteranno immobili x non rischiare”.
Provo a spiegare il perché di questa mia convinzione che il perverso processo che questa iniziativa rischia di innescare e non dipende assolutamente da una mia sfiducia nei nostri rappresentanti.
Dal 1992 ad oggi sono state emanate cinque Leggi per l’Amministrazione Digitale con nome diverso e da Governi di diversa origine politica,. La prima porta il nome di Bassanini nel 1992, l’ultimo CAD è di quest’anno. Questi codici sono praticamente tutti uguali e tutti solo in piccolissima parte applicati praticamente. E sia ben chiaro che questa non-applicazione non è legata a problemi o errori tecnologici e, quasi mai, a problemi finanziari. La mia idea fissa, e per ora nessuno mi ha convinto del contrario, è che le consuetudini burocratiche sono state sempre il principale ostacolo al cambiamento. Con approssimazione giornalistica ho creato la figura del Burusaurus Rex che assomma tutte le peggiori qualità di “qualche” responsabile della PA che sopravvive cibandosi di “bollo tondi, circolari e codicilli” perché, gattopardescamente “tutto cambi per non cambiare nulla”.
Il cambiamento talvolta comporta delle scelte e quindi l’assunzione di responsabilità, perché allora decidere di cambiare se è sufficiente ritardare all’infinito in attesa di regolamenti d’attuazione seguiti da circolari esplicative, giudizi in corso presso la Corte dei Conti o presso i Tribunali Amministrativi?
Da un punto di vista burocratico forse tutto giusto, da un punto di vista pratico un immobilismo assoluto giustificato: sarebbe offensivo prendere una decisione mentre un Organo Giudicante sta operando?
Secondo me con questa nuova legge si aggiunge un fattore di ritardo a qualsiasi decisione. Il Burusaurus Rex, dalle Alpi al Lilibeo, sarà felicissimo: avrà una ulteriore ragione per rimandare tutto …alle calende greche o meglio a quando avrà maturato la sua giusta pensione ed un nuovo Burusaurus diventerà Rex.
La nuova commissione è un altro pezzo di pavimentazione dell’inferno delle buone intenzioni e visto che è un organo politico, e lo dico con il massimo rispetto, tenderà ad applicare ragionamenti politici legati ai partiti d’origine dei suoi componenti (il famoso Manuale Cencielli). Inoltre, per assumere decisioni corrette, avrà necessità di audizioni, relazioni, discussioni e di tutti gli strumenti giusti previsti da leggi, regolamenti e consuetudini. E queste decisioni potranno dare origine a giusti deferimenti all’Autorità Giudiziaria che inizierà giusti processi. Poi da queste decisioni potrebbero scaturire nuove proposte di legge da inserire nel lungo iter parlamentare. Nel frattempo tutti i Burusauri Reges resteranno fermi: non è ammissibile prendere una decisione se un importante organo parlamentare sta esaminando una questione!
Come si esce da questo pasticcio?

Non ho soluzioni miracolistiche …solo un suggerimento. Da vari anni esiste nel nostro Parlamento un Intergruppo Parlamentare trasversale per l’Innovazione: sono parlamentari con conoscenze specialistiche che possono fornire consulenze, suggerimenti e raccomandazioni per un utile e corretto processo innovativo. E’ un gruppo che non ha poteri giudicanti o legislativi, ma, proprio perché formato da competenti, può fornire suggerimenti sia agli Organi Giudiziari che per la formazione di leggi. Un vantaggio di questa soluzione è che nessun Burusaurus Rex potrà dire che non prende una decisione in attesa che ….il Gruppo Interparlamentare prenda una decisione.