SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


mercoledì 12 ottobre 2016

al Teatro Quirino “d'Annunzio segreto”

di Attilio A. Romita                                            12 ottobre 2016

Nell’immaginario collettivo la figura di Gabriele d’Annunzio assume mille sfaccettature diverse e spesso contrastanti: il poeta, il guerriero, l’amante sfrenato, idolatrato da molti e altrettanto pesantemente criticato da altrettanti.
Per questo spettacolo cito le parole della presentazione ufficiale: “Tra amore e grande letteratura, gelosie e tradimenti arriva a teatro Il Vate degli italiani come non l'avete visto mai.”

Per descrivere il personaggio l’autore colloca la scena negli ultimi giorni del Poeta ed alterna i tempi scenici nel giorno, quando il personaggio mostra come vorrebbe apparire, e nella notte, durante la quale l’uomo rivive il bianco ed il nero della sua vita.
Personaggi del giorno sono le donne che hanno attorniato d’Annunzio nei suoi ultimi giorni. La pianista Luisa Baccara, che vorrebbe comportarsi come moglie che ama il marito e che allo stesso tempo vorrebbe sollevarlo dalle incombenze quotidiane. La giovane Amelie Mazoyer, governante, amante e complice che con amore quasi filiale asseconda i desideri e gli atteggiamenti del Poeta.
Personaggio della notte è Eleonora Duse, la grande attrice molto amata e molto rimpianta che di lui dice: “Gli perdono di avermi sfruttata, rovinata, umiliata. Gli perdono tutto, perché ho amato”. E nella notte è proprio il fantasma dell’attrice che riporta d’Annunzio alla realtà della vita e degli errori cui non c’è più tempo per riparare.
Edoardo Sylos Labini, protagonista dello spettacolo, si immerge con molta efficacia nel personaggio sia quando si sente vincente, sia nei momenti notturni quando la sua mente già preda della morte vicina è torturata da quello che sarebbe potuto essere.
Viola Pornaro è Eleonora Duse che anche dopo la morte ama d’Annunzio che non ha saputo rispettare il grande amore che l’attrice aveva per lui.
Le interpreti della giornata del poeta sono Giorgia Sinicorni, Evita Ciri, Chiara Lutri, e Paola Radaelli.
La realizzazione dello spettacolo vede per drammaturgia Angelo Crespi, per le scene e costumi Marta Crisolini Malatesta, per il disegno luci Pietro Sperduti, per le musiche originali Antonello Aprea, come maestro d'armi Renzo Musumeci Greco, come assistente alla regia Eliseo Pantone e per la regia Francesco Sala

Molti applausi hanno sottolineato i momenti salienti ed al termine dello spettacolo che si replica sino al 16 ottobre.