SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


mercoledì 9 novembre 2016

al teatro Quirino “i Malavoglia” di G. Verga con E. Guarneri

di Attilio A. Romita                                            9 ottobre 2016

Letterati e specialisti hanno analizzato e cercato di spiegare la logica e la morale del romanzo cui si ispira questa rappresentazione.
Senza volermi confrontare con gli illustri esperti, la domanda che mi suscita I Malavoglia è: “Conviene essere onesti quando la malasorte si accanisce contro di noi?”.

La complessa trama del romanzo e della riduzione teatrale si basa sulle vicissitudini in continua discesa di una onesta famiglia che malgrado gli sforzi del patriarca, padron ‘Ntoni, non riesce a sopravvivere ai colpi di una continua fortuna avversa.
Padron ‘Ntoni si incarica di trasportare con la sua barca un carico di lupini acquistato a debito. Purtroppo una tempesta semidistrugge la barca e disperde il carico. Per Padron ‘Ntoni la restituzione del debito è una questione d’onore. Tutti gli sforzi fatti dalla famiglia Malavoglia per risalire la china sono frustati da una continua malasorte che tutto vanifica: la barca è definitivamente perduta; la Casa del Nespolo ipotecata deve essere lasciata. Padron ‘Ntoni vede, uno dopo l’altro, sparire la sua famiglia, ma non si dà per vinto sino ad essere anche lui stroncato. Il tragico finale vede una piccola luce di speranza: l’ultimo erede della famiglia con duro lavoro riesce a recuperare la Casa del Nespolo e, forse, riacquisterà il suo vero cognome di famiglia “Toscano” che per lunghi anni era stato sostituito dal più tragico “Malavoglia”.
Per descrivere questo spettacolo preferisco citare le note di regia: “Questa messinscena centra il racconto sugli eventi più significativi che segnarono la vita della Famiglia Toscano di Acitrezza, lì dove, più di ogni altro passaggio narrativo, Verga punta a violare ogni speranza di emancipazione dei suoi personaggi.
L’apparato scenico, di Salvo Manciagli, usa pochi elementi molto rappresentativi ed è perfettamente adeguato allo spirito della tragedia: una zattera con al centro una vela sostenuta da un albero. La zattera è di volta in volta barca, casa e piazza del paese. La vela bianca è anche lo schermo per raccontare, come fossero ombre cinesi, le tragedie del mare o alcuni avvenimenti fuori scena.
Enrico Guarneri, sempre padrone della scena, ci racconta un Padron ‘Ntoni che, malgrado la sfortuna che lo perseguita, reagisce sempre con grande determinazione con lo scopo di far fronte ad i suoi impegni per tornare ad essere il padrone della “casa del nespolo” vista come simbolo di una famiglia rispettata.
Ileana Rigano e Rosario Minardi con Vitalba Andrea, Francesca Ferro, Vincenzo Volo, Rosario Marco Amato, Pietro Barbaro, Mario Opinato, Nadia De Luca, Ciccio Abela, Giovanni Arezzo, Giovanni Fontanarosa, Verdiana Barbagallo, Gianni Sinatra e Gianmaria Aprile sono personaggi che rendono corale questa rappresentazione.
La regia attenta ed esperta del mondo siciliano è di Guglielmo Ferro.
Le musiche sono di Massimiliano Pace e i costumi di Dora Argento.
Al termine molti applausi a tutta la compagnia ed una ovazione finale per Enrico Guarneri.