SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


giovedì 2 febbraio 2017

al teatro Quirino “Luci della Ribalta” di C. Chaplin con A.Salines e M.Bargilli

di Attilio A. Romita                                                           1 febbraio 2017


Il racconto dello spettatore degli spettacoli del Teatro Quirino si è interrotto per circa un mese perché l’autore, Io, ha avuto bisogno della revisione profonda di un ginocchio. Ora riprendiamo le buone abitudini con questo spettacolo che ha avuto ieri il suo debutto e tanti applausi.
Charlie Chaplin ha realizzato Luci della Ribalta ne 1952 e sembra con questa opera voler quasi chiudere l’esperienza del personaggio Charlot e lo fa narrando la storia di un comico che non riesce più a far ridere.

“Luci della Ribalta” narra, nella Londra del 1914, la storia di Calvero, un tempo famoso e acclamato clown, ma ormai alcolista cronico, che salva la giovane ballerina Terry da un tentativo di suicidio. La ragazza, rimasta orfana da bambina, è colpita da una paralisi nervosa quando scopre che sua sorella è stata spinta a prostituirsi per aiutarla a studiare danza. Grazie agli incoraggiamenti che riceve da Calvero, di fatto trasformatosi nel suo mèntore, Terry riprende coscienza delle sue possibilità, riacquisisce autostima e può così ritornare con successo al suo lavoro di ballerina. Terry si innamora sinceramente di Calvero e vuole sposarlo, ma Calvero sa di essere troppo vecchio e, per lasciar libera Terry, va via dalla propria abitazione per prodursi come artista di strada. Tornata al successo pieno Terry ha uno spettacolo tutto suo, ritrova Calvero e, con la compiacenza dell’impresario e degli altri componenti lo spettacolo, per lui organizza un suo ritorno sulle scene. Calvero si presenta sul palco insieme alla sua vecchia spalla e i due vecchi partner entusiasmano il pubblico. Ma questo sforzo e queste emozioni sono il colpo finale per il cuore del vecchio clown che chiude felice la sua vita.
A causa delle differenti tecniche e strumenti rappresentativi tra cinema e teatro, non era impresa semplice trasportare sulla scena teatrale l’originale cinematografico che molti di noi hanno ancora ben chiaro nel ricordo. Antonio Salines e Marianella Bargilli -gli interpreti- e Giuseppe Emiliani,-il regista- con l’aiuto di Eleonora Zacchi – che ha curato l’adattamento teatrale-, Federico Cautero per le scene, Chiara Aversano per i costumi e Roberto Fia per le musiche sono riusciti a riportare con successo le “Luci della Ribalta” di Chaplin sul loro luogo naturale: il Teatro.
Una scena molto semplice rappresenta di volta in volta un sottoscala, la strada ed un palcoscenico. Con l’aiuto di luci e proiezioni si passa da una fredda realtà a visioni oniriche ed a spaccati di una Londra antica e brumosa. Molto intensa la sequenza, realizzata solo con luci e proiezioni, in cui il vecchio clown prova a bussare a varie porte che gli si chiudono inesorabilmente davanti.
Antonio Salines è un Cravero realistico, stanco per la perdita del successo personale, ma combattente ricco di umanità quando decide di far rinascere in Terry la voglia di vivere e danzare. E Marianella Bargilli ci racconta perfettamente la parabola della sua vita, cioè la riconquista della danza come parafrasi della sua vita e, in questo spettacolo, oltre le sue ben note doti di attrice dimostra anche le sue doti di ballerina classica.

Alla fine dello spettacolo non vengono in mente confronti con il film originale …è soltanto una stessa storia raccontata, con successo, in due modi e con strumenti diversi. Ed il lungo, convinto ed intenso applauso ne sono la conferma.