SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


giovedì 6 aprile 2017

al teatro Quirino “Mr Pùntila e il suo servo Matti” di B. Brecht

di Attilio A. Romita                                                                      5 aprile 2017
“In vino (non) veritas” potrebbe essere il sottotitolo di questa opera teatrale che Brecht scrisse nei primo anni ’40 in Finlandia ospite di una amica dopo la sua fuga dalla Germania nazista. Ho scritto “opera teatrale” perché, come molti altri lavori di Brecht, è commedia, tragedia, opera con musica e molto altro. Molte volte delle opere di Brecht sono stati sottolineati gli aspetti sociali e di critica del capitalismo tanto da farne l’alfiere del teatro impegnato.

Perché “In vino (non) veritas”? Perché Mr. Pùtila solo quando è sobrio mostra le sue peggiori qualità di ricco proprietario che considera il suo potere economico come lo strumento di possesso su tutto e tutti.
L’alternarsi degli stati di allegra ubriachezza e di scostante sobrietà sono il filo conduttore della commedia. Da sobrio Pùtila vorrebbe favorire il matrimonio di sua figlia Eva con un nobile rappresentante della diplomazia, quando è ubriaco si fida solo del suo autista Matti e vorrebbe che sua figlia lo sposasse. Quando è felicemente sbronzo Pùtila promette di sposare contemporaneamente quattro popolane che poi, passata la sbronza, scaccia in malo modo. In questo alternarsi di stati d’animo solo punto fermo è Matti che sa sempre adattarsi allo stato del suo padrone senza mai perdere la calma e senza approfittarsi dei momenti di falsa amicizia alcolica.
Questa messa in scena si può definire una commedia con siparietti cantati che rendono più piacevole e godibile lo spettacolo.
La messa in scena dello spettacolo è del Teatro dell’Elfo. Ferdinando Bruni, che ha curato la traduzione, è Mr. Putila e con Francesco Frongia cura la regia e le scene.
Luciano Scarpa è un bravissimo Matti. Insieme a loro recitano e cantano Ida Marinelli, Elena Russo Arman, Corinna Agustoni, Luca Toracca, Umberto Petranca, Nicola Stravalaci, Matteo de Mojana, Francesca Turrini, Francesco Baldi e Carolina Cametti.
Le musiche originali sono di Paul Dessau, gli arrangiamenti di Matteo de Mojana, i costumi di Gianluca Falaschi, le luci di Nando Frigerio ed il suono di Giuseppe Marzoli.
Originale la scenografia che simula quasi un secondo sipario che permette rapidi cambiamenti d’ambiente a scena aperta illustrati da un titolo proiettato come ai tempi del cinema muto.
Dopo circa due ore di spettacolo un lungo convinto applauso ha salutato gli artisti.