SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


sabato 13 maggio 2017

al teatro Quirino “The Black Blues Brothers” un tributo acrobatico

di Attilio A. Romita                                                                 13 maggio 2017

Ieri sera al Quirino uno spettacolo che è difficile catalogare perché si rischia di essere riduttivi: è insieme ballo, esercizi ginnici, circo equestre, azioni comiche e soprattutto grande bravura degli interpreti.
La presentazione ufficiale descrive lo spettacolo molto meglio delle mie parole: “Tra circo contemporaneo e commedia musicale, questa produzione, nata dalla fantasia di Alexander Sunny (già produttore di spettacoli di successo e curatore di speciali Tv sul Cirque du Soleil), ha conquistato teatri e festival di tutta Europa grazie alla sua carica di energia e allegria. I Black Blues Brothers sono un gruppo di acrobati del Kenya provenienti da Sarakasi, una fondazione creata da Marion e Rudy van Dijck (importante funzionario dell'ONU), per favorire lo sviluppo delle arti dal vivo in tutta l’Africa.”.

La serata comincia con cinque sorridenti signori in elegante abito scuro che, come se fosse la cosa più facile del mondo, si scatenano in una serie di salti, capriole e volteggi.
Ma è solo l’inizio…!
Assunto un abbigliamento più consono ad una esibizione di forza e agilità inizia la girandola di salti mortali eseguiti con la stessa disinvoltura con la quale i “normali” esseri umani passeggiano nel parco. Nella presentazione si dichiara che durante lo spettacolo vengono eseguiti 1000 salti mortali. Io credo che sia una valutazione al ribasso perché, facendo un rapido calcolo, significherebbe che ogni artista fa un salto mortale per ogni poco meno di mezzo minuto …io credo che ne facciano molti di più.
Ai salti ed ai tuffi si alternano le piramidi umane nelle quali 3, 4, 5 acrobati formano figure geometriche in verticale che esprimono tutta la forza e l’agilità degli artisti. Tutto appare come un semplice esercizio accompagnato dal sorriso dei ginnasti che non sembrano fare fatica alcuna.
Ogni esercizio è sempre accompagnato da musiche ispirate al grande musical americano e al film che ha prestato il suo nome a questo gruppo.
E il pubblico partecipa felice allo spettacolo con applausi ritmati che sottolineano le esibizioni e calorosamente le concludono.
Poco più di un’ora di spettacolo che passa velocemente ed una lunga, lunghissima ovazione finale da parte di un pubblico composto da grandi e moltissimi bambini.