SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


mercoledì 10 gennaio 2018

al teatro Quirino “10 piccoli indiani …e non rimase nessuno” di A.Christie.

di Attilio A. Romita                                                                    9 gennaio 2018

                                                                “
Dieci piccoli negretti se ne andarono a  mangiar, uno    fece indigestione, solo nove ne  restar.
Nove poveri negretti fino a notte alta vegliar: uno cadde addormentato, otto soli ne restar.
Otto poveri negretti se ne vanno a passeggiar: uno, ahimè, è rimasto indietro, solo sette ne restar.
Sette poveri negretti legna andarono a spaccar: un di lor s’infranse a mezzo, e sei soli ne restar.
I sei poveri negretti giocan con un alvear: da una vespa uno fu punto, solo cinque ne restar.
Cinque poveri negretti un giudizio han da sbrigar: un lo ferma il tribunale, quattro soli ne restar.
Quattro poveri negretti salpan verso l’alto
mar; uno un granchio se lo prende, e tre soli ne restar.
I tre poveri negretti allo zoo vollero andar: uno l’orso ne abbrancò, e due soli ne restar.
I due poveri negretti stanno al sole per un pò: un si fuse come cera e uno solo ne restò.
Solo, il povero negretto in un bosco se ne andò: ad un pino s’ impiccò e nessuno ne restò”.


Cinquanta anni fa ho letto la prima volta questo romanzo “giallo” di Agatha Christie e questa poesia infantile che vi riporto nella forma originale con i “negretti” che sono diventati “indiani” per una forma di politically correct e con buona pace dei nativi americani ed indiani. Da allora questa ossessiva tiritera mi torna in mente in occasione di riunioni pubbliche o private quando l’uditorio pian piano si assottiglia.
Il racconto è uno dei primi della indiscussa Signora del Giallo, Mrs. Agatha Christie e, oltre alle edizioni cinematografiche ed alle tante messe in scena teatrali, ha dato molte idee a tanti romanzieri gialli …e non voglio andare oltre per non rovinare il finale a chi non lo conosce o non lo ricorda.
Un misterioso ricco signore invita un gruppo molto assortito di personaggi per un fine settimana su una piccola ed mal collegata isola del Mar del Nord. L’iniziale atmosfera piacevole si trasforma di colpo in paura quando una voce misteriosa rivela i misfatti che ciascun partecipante ha commesso e li sottolinea con la inquietante tiritera.
E’ l’inizio dell’incubo e delle morti misteriose …e poi non rimase nessuno. Qualsiasi altro particolare vi rovinerebbe la sorpresa finale.
Scene e costumi costruiscono un ambiente “ricco moderno” degli anni ’30 del secolo scorso e ben si adattano al clima non solo meteorologico dell’opera. E in questa scenografia, al ritmo della tiritera falsamente infantile, si susseguono i delitti sino alla …spiegazione finale.
I destinatari del tragico gioco sono, in ordine di apparizione: Sig.ra Rogers (Giulia Morgani), Sig. Rogers (Tommaso Minniti), Vera Claytorn (Caterina Misasi), Cpt. Lombard (Pietro Bontempo), Antony Marston (Leonardo Sbragia), Blore (Mattia Sbragia), Emily Brent (Ivana Monti), Giudice Wargrave (Luciano Virgilio), Generale McKenzie (Alarico Salaroli) e Dott. Armstrong (Carlo Simoni).
La traduzione è di Edoardo Erba e il progetto artistico di Gianluca Ramazzotti con Ricard Reguant. Le scene sono di Alessandro Chiti e i costumi di Adele Bargilli. Le luci sono di Stefano Lattavo. La direzione tecnica è di Stefano Orsini e la regia di RICARD REGUANT.
Molti applausi a fine spettacolo e commenti positivi all’intreccio giallo della trama che ha tenuta desta la curiosità degli spettatori quando “ …e non rimase nessuno” e si scopre l’assassino.