SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


mercoledì 31 gennaio 2018

Tempo di decisioni …riflessioni elettorali.

di Attilio A. Romita                                                         31 gennaio 2018


Tra un mese saremo tutti chiamati al più importante atto che un cittadino deve eseguire: eleggere liberamente i propri civili rappresentanti. Cioè nominare le persone che per qualche anno su sua delega decideranno il fare ed il non fare.
Nel mondo attuale sono molte le nazioni nelle quali la libertà di decidere e la democrazia sono solo “flatus voci”, come direbbe un antico dotto, cioè emissioni di aria. Fortunatamente, anche se molti la pensano diversamente, l’Italia è ancora una democrazia cioè una nazione nella quale il “governo del popolo, dal popoloper il popolo” è ancora una realtà …anche se molti non lo pensano o meglio fanno di tutto perché non sia così.

Mi sembra di percepire in tanti di noi un senso di inutilità “politica”, cioè una discontinuità assoluta tra cosa potremo fare, cosa possiamo fare, cosa vogliamo fare e cosa faremo. Celebre è la frase di Totò “è la somma che fa il totale”, ma sicuramente è la miglior definizione della democrazia e “la libertà è partecipazione” ci canta un altro artista, Giorgio Gaber. Ma per molti miei connazionali sembra che “astensione sia la soluzione”.
Anni fa, in una situazione politica assolutamente diversa, il grande Montanelli consigliò di votare turandosi il naso per evitare il peggio …e allora ci riuscimmo. Purtroppo ancora oggi troppi di noi si turano il naso, si coprono gli occhi si tagliano la lingua e …non votano.
E’ abbastanza facile in questa situazione di alzare la voce e trovare un certo numero di persone che credono alle frasi altisonanti ed alle affermazioni scarsamente realizzabili.
Goethe, circa due secoli fa, ha disegnato la figura dell’apprendista stregone che forse molti ricordano nella interpretazione del piccolo Topolino di Walt Disney: combina molti danni usando impropriamente la bacchetta magica.
Al momento delle elezioni più di un personaggio mostra la sua bacchetta magica e troppi pensano che sia vera …e la votano.
In questo scenario, tra increduli che si astengono e creduloni a parole, è difficile fare discorsi seri basati su numeri reali che promettono …”lacrime e sangue”.
Io credo che non si possa “dare le dimissioni” e neppure “proviamo a cambiare radicalmente”.
E’ necessario che ciascuno di noi faccia la sua scelta “pensata”, che cerchi di documentarsi sulle persone cui delegherà le scelte, che voti per scelta pensata e non per simpatia o non voti per antipatia. Non chi promette di essere bravo ed onesto, fidaandoci della sua parola, ma chi ha dimostrato di essere capace di prendere decisioni vincenti anche se non sempre gradite.
In conclusione cominciamo a ragionare realisticamente, giudichiamo i fatti passati non le vaghe promesse future. Nella politica, cioè nell’amministrazione della polis, è necessario fare scelte anche impopolari o che siano favorevoli a qualcuno e sgradite ad altri.
Non voglio consigliare di scegliere il meno peggio, vorrei che tutti facessero una scelta pensata. Chi mi conosce sa come voterò, ma coscientemente non farò esempi o commenti perché innesterebbero polemiche sul particolare che finirebbero di far perdere di vista il generale.
Ognuno di noi faccia la sua scelta, ma che sia una scelta vera e non la scelta di non scegliere.   

Buon 4 marzo e che …”la forza sia con noi”!