SALVE

SALVE e BENVENUTI!

"Una volta che avrete imparato a volare, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè è lì che vorrete tornare" Leonardo


Mandate una mail a attilio.romita@gmail.com se desiderate essere sempre aggiornati sulle novità! @AAROMITA


giovedì 27 dicembre 2018

al teatro Quirino Gli OBLIVION presentano "LA BIBBIA RIVEDUTA E SCORRETTA"

di Attilio A. Romita                                                            27 dicembre 2018


OBLIVION è una parola inglese che ci suscita ricordi letterari greco antichi e significa dimenticanza, ma questo spettacolo che gli Oblivion mettono in scena è la storia del mondo scritta nel libro dei libri stampato all’inizio dell’Era moderna, ma rivisto con occhi e mente attuali.

Siamo in Germania nell’anno 1495 e Gutemberg ha appena inventato un rivoluzionario metodo di stampa. Per dare lustro a questa invenzione cosa c’è di meglio che stampare la Bibbia come propone Dio stesso? Ma la Bibbia, come rileva l’Editore Gutemberg, ha linguaggio e architettura narrativa antica e deve essere rivista in ottica più moderna e creativa. Purtroppo il denaro ha sempre avuto importanza rilevante in ogni umana impresa e il finanziatore vuole imporre le sue decisioni. I tre punti di vista - Autore, Editore e Finanziatore – sono la base per la revisione della Bibbia per renderla appetibile al Lettore talvolta anche interessato ai risvolti piccanti delle vicende narrate.
In questa lotta per la supremazia intellettuale nella vera interpretazione della Bibbia la vera vincitrice sarà la Segretaria di edizione, forse interprete della Sapienza Popolare, che, quando sembra che la pubblicazione sia resa impossibile dalle varie diatribe, riporta tutta la rappresentazione biblica nel suo antico, moderno ed attuale racconto della nostra Umanità.
Su questa traccia scorre una rappresentazione molto divertente e dissacratoria portata avanti con spirito goliardico da cinque attori che riescono a raccontare con spirito moderno ventisette personaggi in un arco di qualche millennio.
Lo spettacolo è un musical nel quale si alternano parola e cantato senza soluzione di continuità azioni sceniche singole e corali.
La scena è una disadorna stamperia dove qualche vecchio tavolo è utile per supportare i momenti di ballo e qualche quadro che, come si addice ad un racconto biblico, scende dall’alto.
Davide Calabrese, Lorenzo Scuda e Fabio Vagnarelli sono gli autori del testo.
Fabio Vagnarelli è Dio, Giovanni Battista aka J. B., Babbo Natale e Figlio di Noè.
Davide Calabrese è Johannes Gutenberg, Noè, Mosè e Ponzio Pilato.
Lorenzo Scuda è Gesù aka J.C., Abramo, Abele, Sansone, Telecronista, popolano, Scimmia e Figlio di Noè.
Graziana Borciani è Frau Schöffer ,Figlio di Noè e Locandiera a Betlemme.
Francesca Folloni è Frau Fust, Moglie di Noè, Strega, Maddalena, Caino, Sole, Il Popolo che parla a Mosè e una Popolana.
Le musiche sono di Lorenzo Scuda, le scene e costumi di Guido Fiorato, le luci di Aldo Mantovani e le coreografie di Francesca Folloni.
La regia è di GIORGIO GALLIONE.
Uno spettacolo divertente e coinvolgente sottolineato da tanti applausi a scena aperta e commentato alla fine da un lunghissimo applauso e tante chiamate.